Press

Stampa

ENGLISH:
Press
"ANDALORO'S MAGIC TOUCH!" (THE TIMES OF LONDON)

"Mãos que brilham” - Local Porto,
“A essência da sensibilidade”  - O Comércio do Porto

".. ANDALORO, with his clear touch and excellent technique, left a deep impression” - Momose Takashi,  JAPAN

“A player of chiseled brilliance” - The Independent, London

“Whatever mood Liszt offered, Andaloro penetrated into its heart, and almost made it seem you were listening to this warhorse for the first time.” “Andaloro’s magic touch…” - The Times, London

“Andaloro has a big, agile technique that met and conquered Liszt’s demands .. with panache and power.” “Andaloro’s Rachmaninov sent shivers down the spine” - The Daily Telegraph, London

“…playing both delicate and fulsome; his fleet fingers spun an intriguing web.” “Andaloro makes a lovely sound, one warm and rounded in fortissimos; he has an abundance of interpretative ideas and commands a range of colours and dynamics.” “.. there was no false rhetoric and Andaloro was a master of three of Gyorgy Ligeti’s etudes the unremitting rhythmic propulsion of No.1, the harmonic haze of No.5 and the altitude climbing No.2 that seems to express so much regret.” - The Classical Source, UK

“Andaloro stood outhead and shoulders above the other finalists, with autority and scale commensurate .. his timing well judged, ample variety of touch and dynamics when allowed to relax, holding the audience in complete, attentive silence with pianissimo which yet carried.” - Music Web-Seen & Heard, UK

“… instrumentista colosal y músico sensible” - Claudio von Foerster, Buenos Aires

THE HYPERBOLES OF ANDALORO AND THE PHILHARMONISCHE CAMERATA BERLIN
TRIESTE, Sala Tripcovich, 03 May 2006 This magnificent concert was held at the Sala Tripcovich for the second edition of the 'Salotto cameristico'. It was recorded live for a CD to be released soon, and it made use of an acoustic shell (a fireproof multilayer modular wooden structure) installed on the stage to optimize the timbre and dynamics of the soloists and of the ensemble. Collaboration between Studio Musica, Salv.a.ti, and Suono Vivo made the project possible. Opening the soirée were the wonderful poetic and amoroso qualities of Mozart's 'Concerto K. 414': polished diction, elegant discourse, and the transparency of Andaloro's timbre seem to come from a miraculous combination of dexterity and control of the mind. - Giornale della Musica (Maria Girardi, tr. by Alexander Martin)

ANDALORO SHOWS WHY HE'S HEADED TO THE TOP - Remember this name: Giuseppe Andaloro
This young pianist has won a couple of international piano competitions and has been building an impressive résumé over the past few years. He landed in Fresno on Sunday, being presented in concert by the Philip Lorenz Memorial Keyboard Concerts series in the Concert Hall at California State University, Fresno. Like other incredible young talents, it may be difficult to get him back.
Before the concert, Andaloro's program appeared ordinary for a young musician, offering a Mozart rondo that would not be too taxing and finishing with an impressive work by Liszt in the Hungarian Rhapsody No. 2. We've seen this before.
From the first measures of the Mozart, it was apparent that something was different here. Mozart can be played acceptably by most average musicians; the notes are not all that difficult. But to present Mozart with good tone, phrasing, and without seams is next to impossible. There simply aren't enough notes to hide the shortcomings of the pianist.
Andaloro set the precious themes and the delicate textures of Mozart's Rondo in D Major, K. 485 with the lightest possible touch. He didn't abandon the sustain pedal, as some historically accurate players do, but he didn't make a romantic rendering of it either. He simply presented a flawless performance with unforgettable tone. At this point, one begins to think that Andalaro is like those gifted pianists who make everything sweet and beautiful. In the first movement of Schumann's Fantasy Pieces, Op. 12, this suspicion held. Not so by the second. Here, Andaloro let a bit of energy creep into the keys, and while he missed some of the rhythmic interest toward the end, he lifted the lid just a bit in anticipation of the wide range of expression and tone he had in store.
The Schumann provided a good opportunity for various articulations, from the subtle background versus the pronounced foreground in the "Warum" movement, to the opposite execution in the "Grillen" movement. Here, the overall texture was loud, and the theme lay quietly in the background. Andaloro kept a careful hand on the theme, and it came to the top without distraction. But all this was child's play for him, compared with the second half. After the intermission, Andaloro sat down and hammered the low B-flat octave with his left hand, launching a furious charge into the first of three Rachmaninoff Preludes, Op. 23. This one, No. 2 in B-flat major, was violent and athletic. Andaloro's hands covered the entire keyboard, up and down at full speed and volume. But he never lost track of his sense of musicianship. He did not pound the keys -- he created expressive music at the extremes of the instrument. It's the difference between shouting and singing really loud with good tone. The D major prelude, Op. 23 No. 4, contrasted well with the preceding, very melodic and flowing. But in the G minor, Op. 23 No. 5, Andaloro opened the gate and let the horses bolt. Andaloro's hands moved so fast and accurately that one could only stare in disbelief. The eyes and ears observed this feat, but the reality of the skill was hard to grasp. Yet, this was not all. Following the dazzling display with the Rachmaninoff, he returned with two works by Liszt. Both featured seemingly impossible pianism, but it was the Hungarian Rhapsody No. 2 that took the breath away. Maybe it's that this work has been played in this series many times. Maybe it's a young guy toying with tempo and articulation in a piece that few musicians can hope to master as Andaloro has mastered it. Or perhaps it's that even the best pianists in the world do not play this with the clarity of idea and the accuracy of Andaloro. This performance of the Liszt showed an artistic and musical vision, from the playful opening to the magnificently accurate climax, of a young man on his way to the top of his field. - George Warren, USA

"... Andaloro closed with the fourth movement of Prokofiev’s Sixth Sonata. Here he did not choose to shock and awe with its fusillades of loud dissonance but rather to dwell on its more witty and sarcastic undertones. He flew with the music, and its many percussive bits were not hammered with brute force but rather chiselled with the skill of a Michelangelo. Andaloro showed that Prokofiev’s music was not all about violence, but rich with nuances"
"...possesses fingers of steel cushioned by a velvety soft touch. His rendition of Rachmaninov’s  Second Piano Concerto was to remember. The opening chords were taken expansively, setting the tone for bittersweet melancholy contrasted with high drama. His projection from the keyboard was uniformly excellent, roaring above dense orchestral for ecstatic climaxes yet possessing the lightness of a gentle sigh in quiet solo passages. Prodigious finger technique told not the whole story – the ability to express emotions without words made the performance complete. ... The finale afforded display for some of the most lyrical pianism thought possible and the requisite barnstorming, with the audience eating from his hands. The rare encore of Schumann’s Widmung in Sergio Fiorentino’s transcription was further proof that Andaloro was no off-the-assembly-line virtuoso" - (Chang Tou Liang),  The Straits Times - Singapore 

ESPECIALLY BRILLIANT
An evening of piano music from Giuseppe Andaloro,
heard by GIUSEPPE PENNISI
I seldom report about chamber music concerts in Italy because, rightly or wrongly, I feel that an international audience may not be interested unless I deal with events which are part of a larger tour or feature internationally-known artists. This the case with Giuseppe Andaloro (now thirty years old) who has been performing in Italy and abroad for the last sixteen years and already has a few recordings in his bag. He has won several international piano competitions (Hong Kong, London, Naples) and has been building an impressive résumé over the past few years, performing also in Asia and the UK. On 7 February 2013, in Rome's Teatro Argentina, as part of the yearly season of the Accademia Filarmonica Romana, he gave a quite unusual and sophisticated evening recital of piano music. The Accademia is one of the oldest private institutions in the Italian capital; it was established in 1821 by a group of young aristocratic music lovers and has been operating since then with programs that marry innovation and experimentalism with tradition.
Andaloro's program suited this objective fully as it included short pieces by six very different composers ranging from the sixteenth century to the present day. As a matter of fact, the program also presented the world premiere of a piano work commissioned by the Accademia itself from one of the most promising Italian composers, Marcello Filotei, whose compositions are often heard not only in Italy but also in Austria and Germany.
We heard Girolamo Frescobaldi, Olivier Messiaen, Marcello Filotei, Béla Bartók, György Ligeti and Franz Liszt, in this order. Of course, Andaloro only played a small piece or a few small pieces from each composer. What was the red line giving sense to the program? Why, for example, Frescobaldi? At the time (1583-1643), the piano had yet to be invented and most of the composer's music was for the voice. The link was that all the pieces had been composed in the early stages of the professional lives of each composer. The only exception was Filotei's Resistere? Il Suono che Rimane, because the composer is about forty-five.
Frescobaldi's Sei Partite sopra la Follia is clearly a delicate piano transcription of a baroque vocal score. Messiaen's Preludes pour Piano are quintessential French twentieth century. With Bartók's Suite 0p 14 and Ligeti's Capriccio Nos 1 and 2 we are still in the twentieth century but in a different musical universe. With Liszt's Années de Pélerinage we're in full Romanticism. And Filotei's Resistere. Il suono che rimane? has the sense of a revolution for a cause.
Andaloro's hands covered the entire keyboard, up and down at full speed and volume, but he never lost track of his sense of musicianship. He created expressive music at the extremes of the instrument, and he was especially brilliant playing the music of Bartók.
Copyright © 17 February 2013 Giuseppe Pennisi,
Rome, Italy
GIROLAMO FRESCOBALDI
OLIVIER MESSIAEN
BELA BARTOK
GYOERGY LIGETI
FRANZ LISZT
ROME
ITALY
PIANO MUSIC


ITALIANO:

“Ho avuto modo di ascoltare il giovane pianista Giuseppe Andaloro a Bolzano, in occasione del Concorso Internazionale Ferruccio Busoni, e sono stata subito colpita dalla sua grande sensibilità e dalla sua seria preparazione. Le sue straordinarie qualità, la sua intelligenza, il suo gusto musicale gli consentono delle scelte interpretative molto personali e affascinanti. Meritatissimo il suo primo premio al “Busoni”. Sono felice di presentarlo al Festival musicAmuseo di Ancona augurandogli una grande carriera piena di successi”  - Maria Tipo

“… Mani d’oro, facilità tecnica, memoria di ferro. E poi tanta musicalità …” “…artista autentico, un musicista che stupisce per il controllo tecnico e commuove, con una musicalità originale, senza artifizi accademici.” “55° Concorso pianistico "Busoni" - Ha vinto il migliore” - Filippo Michelangeli, Suonare News

“Grande Andaloro negli Studi di Ligeti.… Interpretati i quattro tempi della Suite haendeliana con leggerezza e delicatezza, doti poi ricomparse nei tre tempi della Sonata haydniana, eseguita con tocco elegante alla maniera che fu di Michelangeli. …La personalità del concertista s’è palesata realmente con gli Studi di Ligeti (‘Desordre’, ‘Cordes vides’, ‘Arc en ciel’): soprattutto nel difficilissimo, entusiasmante primo dei 3, ma anche nel debussyano secondo e nell’incolore terzo ..
.. un altro fuori classe del pianismo contemporaneo …”  - Sergio Stancanelli, Gli Amici della Musica

“Un "fuoriclasse" senza confronti. Sentiremo parlare molto e a lungo di questo pianista che… si è esibito in un concerto assolutamente superlativo - sembrava che il pianoforte fosse strumento nuovo. Mai pareva aver posseduto simili sonorità, neppure quando suonato dai grandi nomi della scena internazionale. Semplicemente con Giuseppe Andaloro è un'altra cosa: è come se il giovane avesse una conoscenza segreta del pianoforte, capace di richiamare dallo strumento una molteplicità di timbri e dinamiche mai ascoltate prima. È come se le sue dita sapessero controllare alla perfezione, toccare magicamente i tasti, in modo da forgiare esattamente - con quel determinato peso o gesto o sfiorare leggero - "quel" determinato, preciso e inedito suono.” - Clara Miconi, Il Gazzettino, Pordenone

“Tutti in fila per Andaloro ..l’importante è gettarsi nella musica attraverso il suo strumento che ama alla follia. E da profondo innamorato per lui si concede tutto, non gli resiste. E ottiene anche significative a volte esaltanti risposte. Come un tuffo profondo ed entusiasta nel mare produce tanta schiuma, così le note del pianoforte di Giuseppe Andaloro giungono come schizzi che inondano assolutamente l’ascoltatore.” - Giulia Bassi, La Gazzetta, Reggio Emilia

“Un Campione in Sala Piatti. Andaloro espressivo ed elegante” Bernardino Zappa, L’Eco di Bergamo, “Un Andaloro …da alloro!” - Massimo Di Gesu, Classica Viva, “Andaloro un tocco magistrale” - Maurizio Barrica, La Sicilia“, Giuseppe Andaloro: giovani gli anni, grande la tecnica” - Sara Patera, Giornale di Sicilia, “Il genio pianistico di Andaloro” - Alto Adige, “Andaloro un pianista dalle dita lunari” - La Nazione,
“Probabilmente entrerà in quella piccola cerchia di pianisti che hanno lasciato un segno indelebile nella storia della musica.”- Marino Giansante, Riccitelli News, Teramo 

Giuseppe Andaloro - Philharmonische Camerata Berlin
Ad aprire la soirée le mirabili virtù poetiche e amoureux del "Concerto K. 414" di Mozart: la dizione levigata, l'elegante tornitura del discorso e la trasparente qualità del timbro di Andaloro paiono nascere da una miracolosa coincidenza tra controllo manuale e controllo mentale.
E' iniziato a Trieste, per proseguire a Padova e a Forlì, il piccolo tour italiano che unisce la Philharmonische Camerata Berlin al ventiquattrenne palermitano Giuseppe Andaloro vincitore dell'ultima edizione del Concorso "Busoni" di Bolzano e a Gabriele Cassone, virtuoso della tromba di fama internazionale. Ospitato alla Sala Tripcovich nell'ambito della seconda rassegna "Salotto cameristico", il magnifico concerto, che è stato registrato live per un cd di prossima uscita, si è avvalso di una acoustic shell (una struttura modulare lignea in multistrato ignifugo) installata sul palcoscenico per ottimizzare al meglio timbri e dinamiche del solista e dell'ensemble, e progettata grazie alla collaborazione tra Studio Musica, Salv.a.ti e Suono Vivo. Ad aprire la soirée le mirabili virtù poetiche e amoureux del "Concerto K. 414" di Mozart: la dizione levigata, l'elegante tornitura del discorso e la trasparente qualità del timbro di Andaloro paiono nascere da una miracolosa coincidenza tra controllo manuale e controllo mentale. La ricerca del suono (nitidissimo e senza aloni) rispecchia un'organizzazione strutturale rigorosa, senza però che risulti sacrificata la creatività del fraseggio, tant'è che Andaloro possiede il dono raro di cogliere, come Gieseking, il senso delle differenziazioni tematiche mediante l'approfondimento delle analogie. Dal limbo siderale mozartiano, Andaloro si è quindi cimentato nell'esecuzione del "Concerto op. 35" di Shostakovich per pianoforte, tromba obbligata e archi. Nell'eclettica pagina, accentuata da venature liriche e screziata di spunti sarcastici, Andaloro e la miracolosa tromba di Cassone hanno dato vita a un divertissement irresistibile. A chiudere le suggestioni Jugendstil della versione per archi della Verklaerte Nacht di Schoenberg. - GIORNALE DELLA MUSICA (Maria Girardi)

"Andaloro, un mito al piano" - Il Giornale, 10.10.2010 Firenze

Piano-sciamano: Andaloro «doma» Liszt. Dolce insolenza, affettuosa guasconeria, audacia. Sono alcune delle qualità che occorrono per affrontare e domare Franz Liszt. Il pianista Giuseppe Andaloro le possiede tutte. Acrobazie, passaggi pericolosi, grappoli d’accordi, scariche folgoranti d’ottave, i mille incantesimi sonori di Ferenc  il magiarolo solleticano. Sa che il virtuosismo non è solo questione di forza e velocità, ma d’intelligenza (etimologicamente «leggere dentro», cioè unità di struttura, funzione, simbolo). È reinvenzione fonica e signoria ottenuta attraverso i sensi. Signori, si balla. Nelle Rapsodie Ungheresi le tre gambe del piano a coda diventano quelle d’un tavolino da seduta spiritica: movimento senza posa, frustate di arpeggi, tintinnare di carillon nelle zone acute della tastiera, boati al grave. Suono riflettente, caleidoscopico, nella Tarantella. Un magnetismo timbrico esagerato, ebbrezza tentacolare, pulviscoli di semibiscrome. Si salvi chi può. Giovedì sera nel foyer del teatro Grande  Andaloro ha trasformato il pianoforte in evento della natura: brezza marina,raggio d’estate in notturna spelonca, come narravano i cronisti del tempo. La linea del canto che non scompare mai, atletica scioltezza pure nello slancio estremo,sfolgorio di armonici, eccezionale gioco di pesi. Poi Andaloro cambia maschera. Dallo stregone ungherese passa al volto emaciato dell’alchimista Debussy. Rada barba, occhi neri da rondone, vapori: Claude, lo scienziato del suono, ancora ci turba. Nei tre Preludi pedali organistici, litofoni, piatti sospesi, arpe. Andaloro cambia tocco a ogni brano. Lo stile non è questione di tecnica ma di visione, e lui è un solitario veggente siciliano. Bis, applausi scroscianti, vivissimo successo. - Enrico Raggi, Giornale di Brescia

Festival di Brescia e Bergamo - Il Liszt di Andaloro:
finezze e trascinante virtuosismo
Applausi entusiatici per il pianista Giuseppe Andaloro che ieri sera al Teatro Grande per il Festival ha proposto un programma di alta difficoltà, con musiche di Liszt, Bartok e Ligeti. Liszt faceva naturalmente la parte del leone, con "Nuages gris", "Venezia e Napoli", i "Tre Studi da Concerto" e la Rapsodia Ungherese n.12, opere di natura e di destinazione molto differente, ma che possono essere considerate un riferimento per Bartok e per Ligeti. In particolare "Nuages gris", stranissimo brano praticamente atonale dell'ultimo Liszt, per la concisione e l'atmosfera astratta apre la via allo straordinario Sostenuto della Suite di Bartok, mentre per densità si può accostare ai Capricci di Ligeti. I complessi accenti dei ritmi popolari magiari, trasfigurati e come "romanzati" nelle Rapsodie Ungheresi lisztiane, stanno alla base del linguaggio bartokiano, come tutto il folklore balcanico e, in parte, arabo. E poi c'è Liszt e Liszt: quello che trionfava su tutti in ogni salotto o teatro con pagine che sono un vero cimento tecnico, quello che "aggrediva" il pianoforte a cui chiedeva di essere un'orchestra...C'era un po' tutto questo nell'arduo programma di Giuseppe Andaloro, che ha iniziato con "Nuages gris", un banco di prova per le sonorità, che il pianista ha superato benissimo, regolando i suoni di ogni frase, sì da ottenere un clima improvvisativo. L'inclinazione all'analisi di Andaloro, lo portano a scavare all'interno del discorso musicale, a legare le frasi sostenendo l'armonia, a creare crescendi interni ritmici e timbrici (specie nei tre Studi), particolarità e finezze espressive che rendono il suo Liszt elegante anche quando l'eloquio musicale è istrionico, come nella Tarantella, nella Rapsodia. Composto, lucido, bravissimo, Andaloro possiede una tecnica trascendentale, ed ha continuato a nobilitare Liszt, ad esempio avvolgendo la Gondoliera di allure nostalgica, di mistero la Canzone (e così ne accentuava la modernità). Il suo suono è molto chiaro e tornito e si adatta splendidamente ai due bellissimi, scherzosi Capricci di Ligeti ..  Alla fine della trascinante Rapsodia il pubblico è scattato e Andaloro ha concesso tre bis: "Widmung" di Schumann-Fiorentino, il Preludio in do minore di Rachmaninov e temi di "Ruslan e Lyudmila" di Glinka-Volodos. - Fulvia Conter

Sala Verdi del Conservatorio, Milano, 20 gennaio 2012. Giuseppe Andaloro e Giovanni Sollima - uniti in un programma che ha nella varietà di epoche e stili il suo punto di forza - trascinano il pubblico in una lunghissima serata. Milano Serate Musicali 


TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI 16 - 17 NOVEMBRE 2012 
.. L’altra parte della serata, al di là della canonica ouverture da “Le nozze di Figaro” scelta per introdurre la corposa celebrazione Wiener Klassik, verteva sul brillante Concerto per pianoforte/tastiera in Re maggiore “all’Ungherese” di Haydn, affidato alle mani capaci di Giuseppe Andaloro. Al pianista siciliano, da anni apprezzato per doti di eclettismo e intelligenza, va dato merito di calarsi nello stile del brano con vivacità e attenzione nei confronti della tinta strumentale, adottando un fraseggio rotondo e brioso che privilegia l’imprevedibilità degli esiti sulla compattezza dell’ordito. Mariotti mantiene l’orchestra su binari di musicale discrezione, rivelando un’intesa efficace tra le parti. Nei due bis solistici che seguono, tra molti applausi, Andaloro cambia registro drasticamente: l’omaggio schumanniano a Sergio Fiorentino è, oltre che assai affettuoso, attraversato da un’indole cantabile di gran presa; il Messiaen finale, invece, lascia trasparire virtuosismo e ricerca di bel suono in un approccio di notevole personalità.
STEFANO VALANZUOLO, IL MATTINO 16 Novembre 2012 -


17 Novembre 2012 - Giuseppe Andaloro è un pianista dotato di talento supportato da tecnica solidissima; alternanza di suoni attaccati in caduta e delicatissime articolazioni da vicino, rotazioni di polsi nel legato: arsenale completo per ottenere ogni fraseggio che la partitura richieda. Applausi scrosciantri e prolungati, tali da non poter far esimire Andaloro dal concedere due fuori programma, il primo corredato da dedica a Sergio Fiorentino, immenso e indimenticato solista e didatta napoletano, a cui è dovuta la trascrizione del lied di Schumann offerto al pubblico sancarliano, prima del pirotenico Studio n.8 di Nicolaj Girsevic Kapustin, compositore e didatta ucraino, attento a influenze jazzistiche.
DARIO ASCOLI  -  Oltrecultura: Recensioni Musica © - Sinfonica ®

Bach e Kapustin - Grande Andaloro 
Catania. Andaloro è uno dei virtuosi di pianoforte più ricchi di talento. Nato nel 1982 a Palermo si esibisce in concerti fin da bambino ed è stato premiato da un capo all'altro del mondo da Tokyo a Hong Kong, da Londra alle Americhe. Ieri sera è stato protagonista di una serata indimenticabile della rassegna Classica Internazionale di cui direttrice artistica è la squisita pianista e raffinata musicologa Giulia Gangi. Il Teatro Musco di Gravina che ha ospitato l'evento ha vissuto due ore di vive emozioni, perchè Andaloro ha proposto una antologia intensa di capolavori della tastiera: dal Frescobaldi della "Follia" (l'eroico furore dell'estremo rinascimento prima delle scontrose ombre della controriforma italiana) fino ai sogni musicali del nostro contemporaneo Nikolai Kapustin (intrecci di note avviluppate in una danza frenetica di toni e di accenti che ritraggono realisticamentei sobbalzi della vita attuale: e in mezzo gli accenti solenni di Bach (ripensati dall'impressionismo di Busoni), i languori di Messiaen, gli ardori di Stravinsky (in un tango a metà tra le pampas e la Slavia), le danze popolari di Bartòk e gli impasti sonori di Ligeti. La storia degli stili musicali che hanno preceduto e seguito la classicità. E di ognuno l'artista ha fatto vivere il vario stile, i sentimenti la vita. Esperienze rarissime e indimenticabili. Il pubblico (tra cui molti giovani e giovanissimi) ha applaudito freneticamente alle musiche in programma e ai fuoriprogramma che le hanno seguite. .. 
SERGIO SCIACCA - "LA SICILIA", Lo Spettacolo 14.01.2013
Cd Classico - recensioni e interviste dal mondo del disco :
http://www.cdclassico.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1230%3Aconcerto-aula-magna-sapienza--17-gennaio-2015&catid=53%3Adal-vivo&Itemid=82
http://www.pianosolo.it/conversazione-giuseppe-andaloro-intervista/

03/03/2015 17:43 Giuseppe Andaloro al piano, a Roma


Questo concerto sostituisce quello di Yundi Li previsto per la stessa data: il celebre pianista cinese ha infatti annullato tutti suoi impegni fino a luglio per gravi motivi di famiglia...

Martedì 10 marzo alle 20.30 torna all'Aula Magna della Sapienza per i concerti della IUC-Istituzione Universitaria dei Concerti il pianista Giuseppe Andaloro, fresco del grande successo ottenuto lo scorso gennaio presso la stessa IUC insieme a Giovanni Sollima. Eseguirà nella prima parte Ballate, Mazurke e Scherzi di Chopin, mentre nella seconda parte spazierà con grande libertà tra musiche di secoli diversi, da Brahms a Frescobaldi, da Stravinsky a Merula e Skrjabin.
Questo concerto sostituisce quello di Yundi Li previsto per la stessa data: il celebre pianista cinese ha infatti annullato tutti suoi impegni fino a luglio per gravi motivi di famiglia.
Il palermitano Giuseppe Andaloro è uno dei pianisti oggi più apprezzati a livello internazionale. È stato il primo e finora unico italiano ad aggiudicarsi il primo premio al World Piano Competition London; nel 2005 ha trionfato con il primo premio e tutti i premi speciali al prestigioso e selettivo Concorso "Busoni" e, a conclusione di una fulminate ascesa, nel 2011 ha ottenuto la medaglia d'oro al Hong Kong International Piano Competition, la cui giuria era presieduta dal grande pianista e direttore d'orchestra Vladimir Ashkenazy. Ma già prima la vittoria al Sendai International Music Competition - a soli 19 anni - aveva segnato l’inizio della sua fortunata carriera in Giappone, dove dal 2001 ad oggi ha compiuto più di venti tournée.
Ha suonato nelle sale più illustri e con le più grandi orchestre, dal Festival di Salisburgo alla Scala di Milano, dalla London Philharmonic all'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia. Collabora frequentemente con Giovanni Sollima, con cui ha realizzato vari originali progetti. Si distingue nell'ipercompetitivo gruppo dei giovani pianisti di oggi per la spiccata intelligenza, la vivace curiosità verso ogni tipo di musica e l'infallibile gusto musicale, che gli consentono scelte interpretative molto personali e affascinanti, come emerge anche dal programma di questo concerto.
Quasi tutta la musica di Frédéric Chopin è dedicata al pianoforte, ma in quest'ambito apparentemente ristretto egli seppe raggiungere una varietà espressiva inesauribile, di cui sono un'affascinante testimonianza i brani scelti da Andaloro. Si va dalle tre brevi Mazurke op. 6 n. 1, op 17 n. 4 e op. 33 n. 4 ad alcuni dei suoi lavori più ampi e complessi, quali lo Scherzo n. 1 e le Ballate n. 1 e n. 4: la prima di queste musiche fu composta a vent'anni nel 1830, l'ultima nel 1842 a trentadue anni, quando non ne mancavano molti alla precoce fine che accomunò Chopin a tanti artisti romantici.
Gerolamo Frescobaldi è uno dei geni del barocco e il più grande autore di musica per tastiera del Seicento: la sua Partita sopra l'Aria di Follia, dal primo libro delle Toccate, è un capolavoro dell'arte della variazione, in cui il compositore ferrarese - ma romano d'adozione - eccelleva. Con un salto di oltre duecento anni Andaloro passa allo Scherzo op. 4 di Johannes Brahms, un brano giovanile, ricco di foga romantica e d'immaginazione, scritto nel 1851 sotto l'influenza di Schumann. Il Tango è un breve brano del 1940, il primo scritto da Igor Stravinsky dopo aver lasciato l'Europa ed essersi stabilito in America: è un Tango più alla Stravinsky che nell'autentica maniera argentina, con un uso molto libero delle sincopi al posto della regolare scansione tradizionale di questa danza. Andaloro ritorna al Seicento con la Sonata Cromatica di Tarquinio Merula, che ebbe come patria Busseto, al pari di Verdi, e fu autore soprattutto di musica violinistica; ma sono molto interessanti anche alcune sue composizioni per tastiera, come il Capriccio cromatico, che sorprende per le sue armonie molto audaci per l'epoca in cui fu scritto. Con un altro volo di alcuni secoli Andaloro ci trasporta di nuovo nel ventesimo secolo, precisamente al 1914, anno di composizione di Vers la flamme di Alexander Skrjabin: il titolo non fu ispirato al compositore russo dalla guerra che di lì a poco avrebbe incendiato l'Europa, ma dalla convinzione mistica che una grande fiamma avrebbe presto divorato la terra.

BIGLIETTI: Interi: da 15 euro a 25 euro (ridotti da 12 euro a 20 euro)
Giovani: under 30: 8 euro; under 14: 5 euro

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO: Istituzione Universitaria dei Concerti
tel. 06 3610051-2  –  fax: 06 36001511     
www.concertiiuc.it
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.